Indietro

Accoglienza, prosegue il monitoraggio

Verifiche dell’amministrazione comunale nei confronti delle cooperative che gestiscono i richiedenti asilo presenti sul territorio

FUCECCHIO — Il monitoraggio ha lo scopo di verificare il rispetto del protocollo sottoscritto dai comuni dell’Unione dell’Empolese Valdelsa e da tutti i soggetti privati che operano sul territorio in materia di accoglienza. 

L’ultima verifica effettuata dal Comune di Fucecchio riguarda le attività della cooperativa La Pietra d’Angolo che sul territorio fucecchiese ospita 37 richiedenti asilo nei centri di accoglienza straordinaria di Botteghe, Ponte a Cappiano e San Pierino e 12 con lo Sprar (il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) nei locali di Fucecchio di Via Cammullia e via della Ferruzza (dove sono ospitate due famiglie).

“Quello che chiediamo a La Pietra d’Angolo, come agli altri soggetti gestori dell’accoglienza – dice il sindaco Alessio Spinelli – è di impiegare questi ragazzi in attività utili alla loro formazione e utili al territorio che li ospita perché possano sentirsi sempre più parte di questa realtà. Inoltre chiediamo che venga verificato il più assoluto rispetto delle regole perché accogliere non vuol dire accettare qualunque comportamento. Ci sono regole da rispettare e se questo non avviene dobbiamo immediatamente segnalare gli individui che non le rispettano per le adeguate conseguenze disciplinari. Se applichiamo i protocolli che abbiamo sottoscritto come Unione dei Comuni l’accoglienza sarà sempre meno un problema. Se la situazione rimane quella attuale il numero di profughi che la nostra comunità ospita non rappresenta un problema. Tutti quelli che accoglie la Pietra d’Angolo, ad esempio, hanno già espletato le pratiche per la richiesta di asilo anche grazie alla collaborazione di molti studi legali della zona”.

Le verifiche. "I sopralluoghi e i controlli   -si legge in una nota del Comune-hanno dato esito positivo e al di là della situazione degli immobili, rispondente agli standard richiesti, si è verificato in particolare che la Pietra d’Angolo, in una gestione per molti versi simile a quella delle altre cooperative e associazioni del territorio, è fortemente impegnata per far svolgere ai richiedenti asilo tutta una serie di attività mirate all’integrazione nel contesto sociale e culturale del territorio e svolte col decisivo supporto delle associazioni di Fucecchio. Molto importante anche la collaborazione con le scuole, grazie alle quali alcuni i richiedenti asilo stanno frequentando corsi serali per la licenza media, già conseguita da 4 persone, e corsi di formazione professionale. In collaborazione con l’Informagiovani poi vengono realizzati i cosiddetti tandem linguistici, incontri durante i quali i richiedenti asilo si confrontano con cittadini italiani per imparare la nostra lingua restituendo le loro conoscenze di inglese e di francese".

Lunedì 11 settembre nella sala consiliare del Comune si svolgerà un corso di lingua italiana e di educazione civica al quale interverranno anche il sindaco e alcuni assessori.

Elenco delle associazioni impegnate:
Pubblica AssistenzaCroce RossaAuserIo Amo FucecchioCircolo del Cinema AmarcordComitato MareaOrtolani CoraggiosiFondazione I CareCe.T.R.A.SScout-AgesciAltre associazioni sportive e culturali inizieranno a breve la collaborazione

Elenco della attività svolte:
Corsi di italianoCorsi di primo soccorsoCorsi antincendio boschivoInterventi di ripulitura di banchine stradali e giardini (dall’inizio dell’anno circa 70 interventi con una media di 10 sacchi di spazzatura raccolti ad ogni intervento)SorveglianzaCorsi di formazione professionale (un richiedente asilo ha completato un laboratorio di cucito realizzando addirittura alcuni abiti storici per la festa medievale di Staffoli di domenica scorsa)Laboratori artistici (musica, teatro, ecc)Sostegno alle associazioni in occasioni di eventi (festival, rassegne cinematografiche, ecc)Sostegno alle associazioni per l’attività ordinaria.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it